Remo Benzi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il presepio

Le mie poesie

Il presepio

Nell'eremo di quarto c'è un presepe
che muta d'anno in anno il suo paesaggio
ma resta quella notte nella quiete,
e la sua stella dove apparve un raggio

dalle casette brilla quel chiarore
che manda luce nella notte buia
con la cometa ch'annuncia il redentore
nel suo baglor, che par dire "alleluia"

dolce bambino, da tutti adorato
sei sceso in mezzo a noi, fin da lassù
un bove e l'asinello hanno scaldato
quel tuo giaciglio, piccolo Gesù

caro presepe, che vuol dire "mangiatoia"

tu ci riporti indietro con la mente
da questo mondo, greve d'ogni noia,
per rammentarci quanto siamo niente

e in quel paesaggio, pieno d'umiltà
noi riproviamo ancora quel calore
e c'inchiniamo a quelle verità
che ci ha donato Cristo con il suo amore

Remo Benzi

Chiesa di S.Girolamo di Quarto
Dicembre 2007


Torna ai contenuti | Torna al menu