Remo Benzi

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'inno al Vigile Urbano

Tenerezze e ricordi

L'inno al vigile Urbano    (parole del comandante Remo Benzi)

Queste parole, anch'esse lette come poesia a sè stante, paion quasi un'ode ad un lavoro misconosciuto ma greve di soddisfazioni morali. Avendolo svolto per tanti anni (circa 40) posso in questa lirica cogliere il significato profondo di concetti quale obbedienza, serietà , rigore morale, correttezza, onestà, bontà. Tutte parole che rispecchiano azioni personali di  una professione, fatte sempre ed esclusivamente "pro eius civitatem et habitatores eius".     (ex Commissario di Polizia Municipale Ivo Giuseppe Rapetta)

Stemmi dei vari comuni ove il dott. Remo Benzi ha prestato la sua preziosa opera come Comandante di Polizia Municipale.
                                          
   
                                                                               
                                                                                     
    Bassano del Grappa                    Alessandria                               Genova                  Casale Monferrato      Provincia di Alessandria   


(L'inno al Vigile Urbano stato registrato dal coro dei Vigili Urbani di Bassano del Grappa nell'anno 1974.)

sotto l'acqua scrosciante, al solleone
rimani tu per noi Vigile Urbano
per dare sicurezza alle persone
che attendon fiduciose la tua mano

specchio della città, serio e possente
deciso e pronto nell'intervenire,
tu fermi con la legge il prepotente,
che spesso l'innocente vuol colpire.

L'animo tuo, a volte ha la tristezza
ma compi sino in fondo quel dovere
fatto di sacrifici e d'amarezza
che sol conosce chi fa questo mestiere

il periglio ti sfiora ogni momento,
quando ti trovi al centro crocevia
oppure sulla moto a inseguimento,
di chi veloce sta fuggendo via

vento che arrossi, freddo che tormenti,
voi conoscete bene il suo valore,
ferrea figura che i tuoi sentimenti,
già non traspari, tieni dentro al cuore.

Tace il fischietto... tace ogni rumore
giunt'è la notte, stanco vegli sempre
perchè nelle famiglie stia il calore
e si riposi la faticata gente.


                                                      


 
Torna ai contenuti | Torna al menu