Remo Benzi

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Balera Monferrina

Le mie poesie

La balera monferrina
Note esplicative:

Una vecchia balera, in un paese del Monferrato, dove la gente del contado si riunisce al sabato sera per ricordare la vita giovanile e sentirsi ancora di quella età, fa capire la vita, nel suo affanno, nella sua esibizione, nel primeggiare di fronte agli altri e soprattutto nel sentirsi sempre giovani al suono della sua orchestra. Quando questa cesserà i suoi motivi verrà meno anche la stessa esistenza.


La balera monferrina

Qui nel paese, c'è un vecchio ritrovo  

dove la gente, và al sabato sera
cercando al tempo, di darsi rinnovo,
in quest'angusta storica balera

La terra lavorata tutto il giorno
vorrebbero un pò qui dimenticare,
nel vortice dei balli, che all'intorno,
con stile antico, li vedrà girare

Sono persone dalle mani rudi,
che han rivoltato, là nella campagna,
terreni coltivati, oppure nudi
con l'umiltà, di chi poco si lagna

La loro dignità, scolpita in volto,
ormai rugoso e arido dal sole,
mostra quel mondo queto, quasi assorto,
in quell'aspetto, degno di parole

Quando s'inizia a suonar la tromba,

quasi fosse l'avvio di una contesa,
vedi quei cavalier fare la ronda
a grigie dame, in sofferent'attesa

Lì si vede ruotar con cert'impegno,
al melodioso suono dei motivi,
con aria austera e rigido contegno,
quasi di palco, fossero dei divi

C'è chi azzimato, con passo strisciato,
cerca di darsi a giovani effusioni,
quasi che il tempo, sia lì ritornato
a risvegliar sopite tentazioni

E in quella calca, piena di allegria,
si cerca di tornar a quel passato
ch'ormai da tempo, è trascorso via,

ma ch'ora qui, pare ritornato

La musica continua il suo frastuono,
ritmando valzer, tanghi e pur la samba,
e qui, ciascuno vorrebbe esser più buono,
nei movimenti, esser più in gamba

Poi che l'orchestra, cessa di suonare
vedi la gente, quasi per magia,
fermare i passi, come ad aspettare
giacchè venuta meno è la regia

Quella balera richiama un pò la vita
dove ciascuno vorrebbe recitare
quella sua parte, che non è infinita,
se la musica, viene qui a mancare.

Remo Benzi
Genova, 20/Febbraio/1996

Torna ai contenuti | Torna al menu