Remo Benzi

Vai ai contenuti

Menu principale:

qualche dato personale

Qualche dato personale

Parliamo un poco di Remo: Egli nasce a Genova nel 1938 in quel di Rivarolo, ma ha vissuto a causa dei bombardamenti alleati della II guerra mondiale, parecchi anni a Certaldo in Toscana, il paese che ha dato i natali al Boccaccio, presso dei parenti. Dopo il servizio militare entra nel Corpo dei Vigili Urbani di Genova, felice di seguire la strada intrapresa dal padre Romolo, graduato del Corpo.   Cominciò da allora a fare sacrifici anche pesanti ma si conquistò il diploma da Geometra, sottraendo ore al sonno e ai divertimenti. La moglie Agostina gli è sempre stata a fianco in questa sua sfida, aiutandolo e sostenendolo e dando alla luce nel corso degli anni tre bellissime bambine. Tutte loro, hanno visto con soddisfazione le tappe della carriera di Remo che adesso forse in modo troppo telegrafico andremo a scorrere.          
                                                                                                       Certaldo (FI) settembre 1945, la famiglia  riunita dopo
                                                                                                       il ritono dalla prigionia in Germania del babbo Romolo.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    
                                               Curriculum professionale in breve



Remo Benzi entrò a far parte del corpo dei Vigili Urbani di Genova il 01.03.1962.   Promosso sottufficiale nel maggio del 1969, ha comandato la sezione di Albaro (Genova) sino all'ottobre del 1972, distinguendosi nelle indagini nel famoso "caso Sutter".

In data 13/05/1972 Ha superato l'esame in "Tecnica del Traffico" presso il politecnico di Milano, dopo aver frequentato lo stesso Istituto dal 9/10/1971 al 29/04/1972



  Vinto il concorso per Comandante del corpo di Polizia Municipale di Bassano del Grappa (VI),
ha preso possesso del posto nell'ottobre 1972 dirigendolo fino al 31/01/1978 lasciando un ottimo ricordo in quei cittadini. La sua prima laurea, quella in Scienze politiche, venne conseguita nel 1976 presso l'università di Genova  .
   
  Vinto il concorso per comandante del Corpo di Polizia Municipale di Alessandria, assume tali funzioni il 02/02/1978.  Eletto presidente Regionale della sezione Comandanti e Ufficiali dei Corpi di Polizia Municipale per la Regione Piemonte/Valle d'Aosta nel 1979; è stato riconfermato nel suo mandato per tre periodi amministrativi consecutivi. Nel  1976, in seguito e durante il sisma tellurico che aveva colpito il Friuli,  ha coordinato, assieme ai suoi Vigili, i servizi di organizzazione e soccorso nel Comune di Castelnovo del Friuli.



   

Il comandante di Bassano Remo Benzi                                                           Il Ponte degli Alpini o Ponte di Bassano
e il Presidente della repubblica Sandro Pertini



   

      Il palazzo Rosso, sede del Comune di Alessandria                                  Alessandria 1980 -  rassegna il reparto d'onore

     Nell'aprile del 1980 in seguito al sisma che ha colpito l'Irpinia, è sceso volontariamente, autorizzato dalla Pubblica amministrazione, a coordinare i soccorsi nel comune di S. Gregorio Magno (SA), curando sia la prima sia la seconda fase d'emergenza sino all'estate del 1981, su disposizione del ministro Zamberletti.
Nell'anno 1983 si è Laureato per la seconda volta, in Giurisprudenza presso l'università di Pavia.

                                   
Nov. 1976 Il comandante Benzi assieme ai suoi vigili di Alessandria
                                                  a S. Gregorio Magno per l'opera di soccorso alla popolazione .   

                                                


In data 17 ottobre 1994 con l'Istituto della Mobilità, previo esame orale, fu prescelto e nominato Comandante del Corpo di Polizia Municipale di Genova, nel settembre 1997 in seguito a contrasti con la giunta Sansa per aver difeso i propri collaboratori da attacchi ingiusti e faziosi, si dimise dal posto guadagnato con grandi sacrifici.
          

 
     
Genova - panorama della Lanterna al tramonto                                                                                                       

                                                                                                                                                   Benzi al  comando del Corpo P. M. di Genova
     
                                                                                                                                                                                  
Nella primavera del 1998 fu richiesto dal Sindaco Coppo del Comune di Casale Monferrato perchè organizzasse quale Comandante, quel Corpo di Polizia Locale, incarico espletato sino all'anno 2001. Sempre nel 2001 fu richiesto e nominato dalla Provincia d'Alessandria come Comandante del Corpo di Polizia Stradale Provinciale.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     


                                                                                                                                                                                                                                    

Nel 2002 in seguito ad elezioni diveniva consigliere comunale della città di Genova nella lista "Liguria Nuova" dove operava per cinque anni.

Sciolto il movimento dal suo fondatore Sergio Castellaneta, passava per coerenza politica nella "Lista Biasotti" alla quale la ex lista "Liguria Nuova" era stata collegata.


    Nel campo Culturale Remo Benzi ha scritto sia libri autobiografici "Noi ragazzi poveri del '38" e "Servi e servitori", nonchè poesie che hanno meritato premi anche a carattere internazionale.


Poesie e libri, illustrati nell'apposite pagine del sito.


    Insomma il comandante Remo Benzi, ha tutte le carte in regola per fare molto e bene, con equità e giustizia per gli abitanti della città: il suo motto è sempre stato infatti: "con la gente, per la gente, non contro la gente".

     Confrontate se potete il suo curriculum con quello degli altri aspiranti alla varie cariche amministrative, soppesate la costanza, la capacità, la forza, l'umanità, l'abnegazione, l'onestà, la franchezza di Remo, con quello di un politico di "mestiere" e vedrete la differenza.


                                                     Il comandante saluta il picchetto d'onore di Casale.




 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu